Leggere il mondo : la storia di Ann Morgan

reading-the-world

 

Festeggio in questa giornata il World Book Day con particolare gioia, perché ho la possibilità di condividere con voi la storia di un’appassionata lettrice, che è anche la storia di un blog meraviglioso. Forse avrete già sentito parlare di lei : ANN MORGAN, scrittrice e blogger londinese, che qualche anno fa esplorando la sua libreria si rende conto di un fatto sconcertante : è una xenofoba letteraria. Forse “xenofoba” è un termine un po’ troppo forte, ma è quello che usa lei stessa nel discorso registrato da TED quest’anno.

Le nostre librerie dicono molto di chi siamo” dice Ann. “E ho capito che non c’era molto spazio per autori che non fossero britannici o americani, nei miei scaffali. Ne sono rimasta sconcertata

 What I did know was I couldn’t do it by myself. As anyone who’s dropped in on my A year of reading women blog will realise, I used to stick mostly to British and North American writers, with the occasional South African, Australian and Indian thrown in. My knowledge of world literature was shamefully anglocentric. [dal blog]

E’ il 2012, l’anno delle Olimpiadi, l’anno in cui il mondo intero si riversa su Londra. Ann sente il bisogno di risolvere quella che crede essere molto più che una semplice lacuna letteraria. Sente il bisogno di esplorare il mondo …Leggendo.

E così apre il blog wordpress “A Year Of Reading The World”

Nella pagina What I did, inizia così :

In 2012, the world came to London for the Olympics and I went out to meet it. I read my way around all the globe’s 196 independent countries – plus one extra territory chosen by blog visitors – sampling one book from every nation.

Vi consiglio di ascoltare il discorso di Ann, e di prendervi del tempo per scorrere la lunghissima lista riportata nel blog, l’elenco completo di tutti i libri che è riuscita a leggere, e che le sono stati consigliati da centinaia di persone nel corso di questa incredibile avventura nel mondo della parola scritta. Alcuni titoli ci sono noti, altri completamente sconosciuti. Scoprite quanti sforzi ha compiuto per procurarsi certi libri, mai tradotti in inglese, e quanto la gente, da ogni angolo di questo nostro pianeta, sia stata disponibile e generosa oltre ogni sua aspettativa, per consentirle di compierle questa missione. La storia di Ann Morgan mette in luce una questione fondamentale che tocca corde sensibili del mondo editoriale : “solo il 4% dei libri pubblicati in Inghilterra sono traduzioni, e per la maggior parte sono traduzioni di testi francesi e svizzeri”. La nostra visione del mondo è  fortemente limitata, dal momento in cui non abbiamo la possibilità di scegliere libri di cui non sappiamo nemmeno l’esistenza. E tuttavia Ann, con il suo impegno e la sua costanza, ha dimostrato che nell’era di internet non esistono limiti invalicabili.  E nemmeno libri irraggiungibili.

 

World Book Day … in the UK !

I was a little confused and surprised this morning, when I opened my pc and found Twitter in a book fever ! This calendar thing is curious, isn’t it? Every nation can decide its own date to celebrate whatever it needs to be globally celebrated. In the UK today is

#WorldBookDay

WBD-featured

… and I was very happy to discover this wonderful celebration. Firstly because I love books, obviously ! Secondly, because I love the United Kingdom. And thirdly  … because all over the world people are tweeting, posting bookish status and talking about books, and they dress up as the characters they love, and they READ ! So, in a certain  way, we can talk really about a global celebration, even though this is a national one. Everyone, in every part of the earth connected by internet, feels in need to share their love for books, today. They are not waiting for the 23rd of April. Or May. I opened this blog because for me every day is dedicated to books, to reading and to writing stories, to share emotions and opinions about them. When all over the world this kind of book fever happen, it doesn’t matter why, or when, or who. It’s always good. And I love it ! So thank you guys, thank you, today I feel part of something big.

I’m Italian, but seen what I’ve just written, I want to celebrate in the best way I know, with three lists :  #amreading, #toread, #justread !

Lovingbooks

I. I am reading :

Trigger Warning : Short Fictions and Disturbances by Neil Gaiman 

Gala Cox : il mistero dei viaggi nel tempo by Raffaella Fenoglio

The Changeling / Il bambino scambiato by Kenzaburo Oe 

The Chemistry of Tears by Peter Carey

Grey Mountain by John Grisham 

 II. To read

Anansi Boys and Good Omens by Neil Gaiman

The Golem and the Jinni by Helene Wecker

The Earthsea cycle by Ursula K. Le Guin

Looking for Alaska by John Green

Carry On, Landline and Attachments by Rainbow Rowell

The land of painted caves (Earth’s Children #6) by Jean M. Auel 

III. Just Read

American Gods by Neil Gaiman

The Legend of Sleepy Hollow by Washington Irving 

The Art of Asking by Amanda Palmer

The Ocean at the End of the Lane by Neil Gaiman