Tag Archives: Silvia Devitofrancesco

Blog Tour Silvia Devitofrancesco – Lo Specchio del Tempo – Tappa III

3 Dic

silvia-devitofrancesco Lovingbooks vi condurrà in questa terza tappa del Blog Tour di Silvia Devitofrancesco. Continua il viaggio alla scoperta dei personaggi e dei luoghi de Lo Specchio del Tempo !

 

lospecchiodeltempo

 

 

TAPPA III

– I PERSONAGGI DI “IERI” : Herminia e Heinricus –

 

Nella sua introduzione a Lo Specchio del Tempo, Silvia Devitofrancesco definisce i confini della sua storia, dichiarando le due protagoniste speculari quali donne normali, “comuni, vissute in epoche lontane tra loro e con abitudini e stili di vita completamente differenti”.

Silvia dice :

“ogni persona il cui cuore batte ogni giorno è grande, anche se non ha ricevuto l’appellativo magnus. E’ grande per il semplice fatto che vivendo, è in grado di produrre storia”.

Questo mi ha molto colpito, e mi ha fatto riflettere sull’effettiva grandezza racchiusa in un personaggio  come quello di Herminia, la protagonista duecentesca, lo specchio riflesso dell’Erminia dei nostri giorni. Il contesto storico è quello che vede Federico II di Svevia muovere verso la sesta crociata. Siamo a Bari, nel 1227, e l’aria profuma già di guerra. La drammaticità della storia di Herminia è riassunta nella frase “ il destino di un individuo dipendeva dal suo sesso“.

Herminia è una giovane contessa, in balia di un padre molto severo; il rapporto tra loro è spezzato da un evento che ha irrimediabilmente compromesso la loro possibilità di essere felici insieme. La ragazza è vittima delle convenzioni sociali dell’epoca, costretta in una gabbia che pare costruita ad arte per contenerla. E’ questa sua stessa condizione di inferiorità e di apparente fragilità a renderla “grande”, quando inizia a muovere i primi passi controcorrente, sfidando i costumi, il suo stesso credo, il modus vivendi, e pretendendo dalla vita ciò che fino a quel momento le era stato negato : la libertà di amare chi si vuole, di applicare in un ambiente prettamente maschile le proprie conoscenze, la possibilità di lasciare il suo marchio nella Storia. Herminia, costretta in un giogo di situazioni e momenti drammatici, trova comunque la forza di alzare la testa e affrontare gli ostacoli che le si parano d’inanzi, arrivando alla scelta più estrema …

 

il-mio-destino-sarebbe-stato-quello-di-diventare-un-amanuense-una-donna-amanuense-per-la-precisione-1

 

 

Così come Herminia, anche frate Heinricus è costretto in un ruolo che non gli appartiene. Vorrebbe fuggire, ma il senso del dovere in lui è forte. In lui la dolce contessina vede due opposti che si amalgamano, la rigidità e la durezza da un lato, l’eleganza e la dedizione dall’altro. Il loro legame è un peccato ai loro stessi occhi, ma ciò che accade dopo lungo desistere appare inevitabile :

 I suoi occhi si avvicinarono ai miei. I nostri sguardi si rifletterono. Le nostre mani s’intrecciarono. Le nostre labbra si schiusero e gustammo l’uno il sapore dell’altra durante un surreale bacio. Il mio primo bacio. Il cuore batteva all’impazzata e avevo completamente perso la lucidità. Quando l’idillio terminò, sistemai i capelli fradici nel cappuccio, chiusi il mantello e senza dire una sola parola, rientrai nel convento attraversando la porta dalla quale eravamo usciti”

-LO SCRIPTORIUM-

Leggendo di questi due  vien da ripensare a certi versi di dantesca memoria :

…Galeotto fu il libro e chi lo scrisse, quel giorno più non vi leggemmo avante.”

I libri sono uno sfondo importante ne Lo Specchio del Tempo. In particolare, il manoscritto cui lavora Herminia su istruzione dell’abate, è un fondamentale anello di congiunzione tra le due storie parallele qui narrate. Lo Scriptorium, con i suoi codici manoscritti, è il luogo in cui la miccia si accende. Uno sguardo, uno sfioramento di mani, una promessa sempre rinnovata … gli ingredienti di antichi poemi riemergono prepotenti tra le pareti di questa stanza, fuggevoli istanti in mesi e mesi di duro lavoro di copiatura e trasmissione del sapere. Sembra quasi di sentire il frusciare dei sai e dei mantelli, il graffiare delle penne d’oca sui fascicoli, lo strusciare dei piedi sulla pietra, mentre i frati ed Hermina portano avanti il loro importante compito.

“Il mattino seguente l’abate mi accompagnò nello scriptorium. Si trovava nell’ala laterale dell’edificio, quello stesso corridoio dal quale l’abate era sbucato la sera prima bloccando la mia fuga. Ero avvolta nel mantello e avevo giurato mille volte che sarei rimasta muta. Seguii l’uomo in un religioso silenzio. Avevo ricevuto un’importante possibilità e non avrei tradito la fiducia che egli aveva riposto in me. L’abate aprì una pesante porta di legno e mi invitò a entrare. Rimasi di stucco : quella stanza era un paradiso. Dalle grandi finestre la luce del sole entrava perpendicolarmente e illuminava le pergamene e i leggii. Dal lato opposto della stanza, numerosi armaria contenevano i preziosi volumi, alcuni dei quali donati da mio padre. Questa mia attenta osservazione fu interrotta dall’abate, il quale mi mostrò un tavolo appartato.

<<Ecco, Herminia, quella sarà la vostra collocazione. Mi raccomando, non fatemi pentire>>

Sorrisi dolcemente. <<Non vi pentirete, signor abate>>

Il mio destino sarebbe stato quello di diventare un amanuense. Una donna amanuense, per la precisione.”

°§°

 

Spero che questa tappa vi sia piaciuta e abbia acceso la vostra curiosità ! A domani con Giacomo Ferraiuolo per l’intervista con Silvia Devitofrancesco !

Per partecipare al giveaway condividete, commentate e seguite i blog che ospitano le tappe. Cliccate qui : a Rafflecopter giveaway – per una copia ebook de Lo Specchio del Tempo ! E il 5 dicembre visitate Bosco Dei Sogni Fantastici 🙂 

 

lo-specchio-del-tempo

Silvia Devitofrancesco Blog Tour – Lo Specchio del Tempo

30 Nov

Blog Tour Books vi aspetta il primo dicembre con Lo Specchio del Tempo di Silvia Devitofrancesco !

Blog Tour Books

Ciao a tutti, amici bibliofili !

La lunga attesa è finita, i mesi di restyling e preparazione sono terminati, ed eccoci finalmente pronti ad annunciare un nuovo blog tour.

silvia-devitofrancesco

Mi permetto di fare un’introduzione in prima persona : ho avuto modo di leggere Lo Specchio Del Tempo già quest’estate, e mi ha affascinato in modo repentino e inaspettato. Sono stata sorpresa dalla storia di Silvia Devitofrancesco,la ragazza in rosso, che con le sue parole mi ha catturata a tal punto da farmi arrivare alla parola “fine” nel giro di un solo pomeriggio. E’ stato quindi un vero piacere per me essere coinvolta nell’organizzazione del suo blog tour, e sono lieta di poter presentare il libro e la sua autrice a chi magari non abbia ancora avuto modo di scoprirli.

Ringrazio vivamente Isabella, una collega davvero straordinaria, senza la quale non combinerei nulla; Dana, Mariagrazia e Giacomo per…

View original post 42 altre parole

8 mesi / 50 storie

10 Set

II

Da aprile a maggio*

 

12 – [Apr 2016] La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King [!]

labambinacheamavatomgordon

 

  • ed. Sperling & Kupfer, 1999
  • rating : 5/5
  • commento : best ever ! Strepitoso ! Mi ha tenuta incollata alle pagine, mi ha roso d’ansia e mi ha fatto versare lacrime sul finale. Bello, bello, bello ! Trisha McFarland è diventata uno dei miei personaggi preferiti.
  • note : comprato per pochi euro a una bancherella di Borgo Cavour, Treviso.

 

 

 

 

13 – [Apr 2016] Coraline di Neil Gaiman

coraline

  • Oscar Mondadori Bestseller
  • rating : 3,8/5
  • commento : Una lettura scorrevole e godibilissima, con alcuni picchi di tensione mica da ridere, ma sempre all’interno del magico contorno di una fiaba “per bambini” (*insertevilgrinhere*). Di quelle vecchio stile, s’intende, che ti facevano c****** sotto.
  • note : con illustrazioni di Dave Mckean; da questo libro il film d’animazione di Henry Selick

 

 

 

14 – [Apr 2016] Quello che Non Uccide (Millennium #4)  di David Lagercrantz

Quello che non uccide millennium 4

  • Ed.Marsilio, 2015
  • rating : 4/5
  • commento : Se l’avesse scritto Stieg, sarebbe da 5 stelle piene, ma devo ammettere che Lagercrantz ha fatto un buon lavoro. Non sempre solide le basi dell’argomentare, ma l’intreccio narrativo e i personaggi, alcuni in particolare, mi hanno tenuta avvinta alla storia, fino alla fine. Molto interessante il concetto di savant, il personaggio del bambino autistico e il suo rapporto con Lisbeth mi hanno smosso qualcosa dentro, durante la lettura. Ho sperato fino alla fine … E non sono rimasta delusa. Spero di ritrovare ancora Lisbeth e Mikael, nonostante tutte le polemiche… Lo so, sono una lettrice esigente ed egoista.
  • note : v. Quello che Non Uccide : l’eredità di Stieg Larrson :
  • un libro tira l’altro : L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, di Oliver Sacks

 

 

15- [ Apr 2016]   Gente di Dublino di James Joyce

gentedidublino

  • Garzanti, 1976
  • rating : 3/5
  • commento : Stile eccelso, a mio parere, quello di Joyce. Al di là del realismo disperato che si respira nei suoi racconti in medias res, è nella voce del narratore che vedo il modello da imitare, da ammirare. Una prosa musicale, una costruzione impeccabile di frasi e periodi. Un architetto geniale. Un altro motivo per leggere Joyce è scoprire gli angoli oscuri e imperfetti della sua Dublino, i personaggi più fragili, più strani, e innamorarsene nonostante tutto, o forse proprio per questo “tutto”.
  • note : acquistato usato, a 1 euro, IBS di Treviso.

 

 

16- [ Apr 2016] Sotto il pavimento di Mary Norton

sottoilpavimento

  • Salani ed. Gl’Istrici, 1988
  • rating : 4/5
  • commento : Sono esterrefatta per come è “finito”. Cosa è successo in realtà agli Sgraffignoli ? Lo scoprirò nel prossimo libro della serie, suppongo ! Le descrizioni dei piccoli oggetti sono davvero brillanti. Mary Norton fa sognare, ha inventato uno stupefacente mondo in miniatura, del tutto plausibile, e ha messo in atto un vero e proprio incontro/scontro di civiltà, di generazioni, di pensiero, e se vogliamo, anche di genere.
  • note : preso in prestito. In inglese “The Burrowers“; v. Arrietty, 2010 (Studio Ghibli)

 

17- [ Apr 2016] Navi Perdute di Naomi J Williams [!]

navi_perdute_01

  • Neri Pozza, 2016
  • rating : 5/5
  • commento : un romanzo storico dai molteplici punti di vista, che mi ha coinvolta, incuriosita e rapita al punto da farmi pensare ai suoi personaggi anche quando avevo ormai chiuso il libro. Uno stile davvero interessante, che mischia sapientemente la cronaca storica alle vicende personali dei protagonisti. I racconti di viaggio ambientati tra seicento e ottocento, quando ancora la Terra serbava isole e rotte inesplorate, e gli strumenti di navigazione e in generale le conoscenze scientifiche non erano così progredite come lo sono oggi, sono tra i miei preferiti, da sempre, da che ho messo gli occhi su L’Isola del Tesoro. Questo viaggio non manca di peripezie tali da poterlo definire “un’Odissea”. Assolutamente consigliato agli amanti del genere !
  • note : bibliography ; altri scritti (storie brevi)

 

18- [ Apr 2016] L’Ultimo Cavaliere , (La Torre Nera #1) di Stephen King

ultimocavaliere

  • Pickwick, 2013
  • rating : 4/5
  • commento : “L’uomo in nero fuggì nel deserto, ed il pistolero lo seguì“. Mi ha confusa con i suoi contorti scenari, con le allucinanti evoluzioni di pensiero e azione. Non al punto da irritarmi. Mi ha anzi incuriosita, accendendo in me una fiamma ardua a spegnersi. Mi ha affascinata con le sue parole. Lo stile di King è superbo. Roland, Jack e l’Uomo in Nero ti incidono i loro nomi sulla pelle.
  • note : illustrazioni di Michael Whelan (1982); da questa serie di libri, il film con Idris Elba e Matthew McConaughey; 
  • un libro tira l’altro : Robert Browning – poemi e poesie (Childe Roland alla Torre Nera giunse)

 

 

19/20/21-[ Apr/Mag 2016] Città di OssaCittà di Cenere Città di Vetro di Cassandra Clare  (Shadowhunters – The Mortal Instruments #1,#2,#3 )

cittadiossa

  • Mondadori
  • rating : 4/5
  • commento : terminati i primi tre volumi della saga in un fiato. Davvero, in pochi giorni li ho divorati ! Ho deciso di fermarmi qui per il momento, per non guastarmi l’avventura in questo mondo altamente adrenalitico in cui tutte le leggende sono vere e … *porcaccia alla miseria Magnus Bane e Alec, ne vogliamo parlare !!?*. Cassandra Clare dipinge i suoi personaggi in modo brillante, e certo sa come far loro patire le pene dell’inferno …
  • note : consigliatomi, o meglio “ordinatomi”, da mia sorella Sara. Avevo in realtà già letto Città di Cenere molti anni fa, ma non mi ricordavo più certe scene e certi personaggi, quindi è stato un piacere sorprendente riprenderlo in mano e riscoprire certe cose. 
  • cose utili : una pagina di consigli di scrittura sul sito dell’autrice !

 

 

22-[ Mag 2016] Il Giorno che Scambiai Mio Padre con due pesci rossi di Neil Gaiman e Dave Mckean 

pescirossi

  • Mondadori, 2004
  • rating : 3/5
  • commento : una storiella divertente quanto assurda, su un bambino che per due pesci rossi da via suo padre. Un padre talmente immerso nel quotidiano, (la testa perennemente nascosta dalle pagine), che non si accorge di nulla fino alla comica conclusione. Dietro la risata, quindi, la riflessione. Tavole accattivanti, in pieno stile McKean.
  • note : letto in pochi minuti in biblioteca.

 

 

23- [Mag 2016] Hyperversum, (Hyperversum #1)  di Cecilia Randall [!]

hyperversum

  • Giunti, 2008
  • rating : 5/5
  • commento : una sera tempestosa, un variegato gruppo di amici, un gioco virtuale che ti trasporta nella Francia medievale. Un caso, o forse il destino, fa si che un fulmine li catapulti in un terrificante istante al 1214 d.C e li metta di fronte alla terribile realtà : giocare non per superare il livello, ma per sopravvivere. Questo libro mi fa desiderare che i suoi personaggi siano davvero esistiti, e che da qualche parte in questo universo ci sia un gioco che si chiama Hyperversum. Fantastico ! Un tuffo nella storia in compagnia di cavalieri coraggiosi e dame piene di risorse. Ian, Daniel, Martin, Isabeu, Guillame …non vedo l’ora di ritrovarli ne Il Falco e il Leone, il secondo volume.
  • note: preso in prestito, poi comprato, insieme agli altri due della trilogia (nuova edizione!!)

 

24 [ Mag 2016]-Mio fratello rincorre i dinosauri di Giacomo Mazzariol

miofratellorincorreidino

  • Einaudi Stile Libero, 2016
  • rating : 5/5
  • commento : uno di quei libri che ti fanno ridere ad alta voce, e versare più di qualche lacrima. Uno di quei libri che ti fanno emozionare e riflettere, che ti fan chiedere : “e io, che avrei fatto ?”. Un libro che parla di Giacomo, di Giovanni, e dello straordinario mesozoico che sta loro intorno. Consigliatissimo !
  • note : prima di leggere il libro, guarda The Simple Interview. 

 

 

 

 

25 [Mag 2016] – La Terra di Nessuno (Jolly Roger #1) di Gabriele Dolzadelli

laterradinessuno

  • scrittore indipendente – youcanprint.it – ebook Kindle
  • rating: 4,5/5
  • commento: Assolutamente consigliato ! Mi ha tenuto col fiato sospeso fino alla sua conclusione ( e oltre, dovrei dire …), e ormai sono troppo curiosa di sapere che cosa davvero nasconde Puerto Dorado e quale sarà il destino dei suoi abitanti. L’autore dimostra un affinato stile narrativo, e riesce a gestire senza troppi problemi i vari punti di vista. La cosa che ho trovato sorprendente è il non essere riuscita ad affezionarmi maggiormente a un personaggio rispetto ad un altro, ognuno di loro mi ha trascinato con sé attraverso il mare e la giungla, dandomi più di un motivo per seguirlo con acceso interesse. Si incappa in qualche insignificante refuso, e talvolta c’è un ripetersi di presentazioni, per quanto riguarda i personaggi che si ritrovano dopo parecchi capitoli, che mi ha fatto storcere il naso un pochino, altrimenti sarebbe perfetto. Detto questo, ho appena comprato il vol.2 !
  • note : ebook acquistato su Amazon. Della serie Jolly Roger – #2 : Le Chiavi dello Scrigno ; – #3 I Fratelli della Costa. In uscita il quarto volume, La Torre del Ribelle.

 

26 [Mag 2016]-Lo specchio del tempo di Silvia Devitofrancesco [!]

lospecchiodeltempo

  • autore indipendente : ed. cartaceaebook Kindle
  • rating : 4 /5
  • commento : L’ho letto in un pomeriggio. E questo, in definitiva, mi porta ad assegnare le quattro stelline. Mi è piaciuta la cornice storica, avrei addirittura apprezzato qualche riga in più di ambientazione. Le vicende di Herminia, del conte suo padre e di frate H. nella Bari duecentesca, e quelle di Erminia e di Michele ai giorni nostri, si riflettono l’una nell’altra in barba alla distanza temporale, grazie ad un misterioso manoscritto e ad un simbolico rosario : mi hanno trasportato senza resistenza fino al finale dolce amaro.
    La grandezza dell’esser madri, l’importanza di amare con coraggio nonostante le imposizioni sociali, la necessità di far agire il cuore, ogni tanto, abbandonando le paure costruite ad arte dalla nostra mente e cercando nella propria esistenza quella Gioia di vivere con la G maiuscola … Tutto questo trapela con chiarezza dalle parole della giovane autrice. Erminia sembra destinata a chiudere un percorso, a raggiungere un traguardo che alla sua “antenata” è stato negato. I personaggi del passato assomigliano tantissimo a quelli del presente, eppure ciò che rimane impresso ancor più profondamente sono le loro differenze, e il loro diverso destino.
    Insomma, una lettura davvero godibile, scorrevole, e affatto priva di importanti spunti di riflessione. Una trama e dei personaggi ben costruiti. In due parole : una bella storia.
  • note : ebook acquistato su Amazon.

 

27- Sette Minuti Dopo la Mezzanotte di Patrick Ness, soggetto di Siobhan Dowd, ill. di Jim Kay [!]

setteminutidopolamezzanotte

  • Mondadori, 2012
  • rating : 5/5
  • commento : “Le storie sono indocili. Animali selvaggi che corrono verso direzioni imprevedibili“… Parto col dire che le illustrazioni di Jim Kay sono meravigliose, degne di lui. Un’edizione superba, da comprare a scatola chiusa. In quanto alla storia : quando capisci, è già troppo tardi. Il mostro ti ha catturato, e ti trovi a consumare le lacrime fino all’ultima riga. E oltre. 5 e lode.
  • note : preso in prestito, ma lo voglio a casa con me!. Galaxy Children’s Book of the Year. Uscita a breve del film A Monster’s Call, tratto da questo libro.
  • un libro tira l’altro : More than this, The rest of us just live here, Chaos (Patrick Ness); La bambina dimenticata dal tempo (Siobhan Dowd)

 

 

 *i libri letti a maggio non finiscono qui, ma se continuavo questo post non era più finito … Alla prossima !! Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: