Can You Spot the Indie?

E’ difficile per gli autori Indie* venire pubblicati dalle grandi case editrici ? Molti dicono di sì, ma a quanto pare non è cosa impossibile ! Una fantastica dimostrazione viene dalla recente decisione della Barnes &Noble di mettere nei suoi scaffali una serie di cui vi avevo parlato in una precedente recensione, THE MOON REALM, di Richard Due. I primi due volumi, The Moon Coin e Dragondain sono disponibili adesso anche nella versione cartacea ! Sono molto entusiasta di questo, perché è stata una delle mie scoperte più belle tra gli Ebook letti lo scorso anno.

—-

It is difficult for Indie authors* to be published by the big publishing companies ? A lot of people say yes, but apparently it is not an impossible thing ! An amazing proof comes from the recent decision of Barnes & Noble to put on its shelves a series of books which I told you about in a previous rewiev, THE MOON REALM, by Richard Due.  The firsts two books, The Moon Coin and The Dragondain are now avalaible also in paper version ! I am very excited about this, because it was one of my best discoveries among Ebook read last year.

—-

**Indipendent authors – autori indipendenti

"Tales, unlike stories, never lie."

Barnes and Noble, Sandy, Utah.

Like two little hobbits starting off on their first big adventure.

TMCnTDinBnN

Hint: Second row, third and fourth from the left.

View original post

Nuova recensione !

Una nuova recensione è stata aggiunta alla lista. Si tratta del libro che ho scelto per Maggio 2013 : ”Il linguaggio segreto dei fiori” di Vanessa Diffenbaugh !!

 ”Il Linguaggio Segreto dei Fiori è una storia di crescita e superamento di intime difficoltà , di amore, amicizia, fiducia nel genere umano e nelle sue peculiarità. Ma è soprattutto una storia su cosa significhi essere madri, e su cosa voglia dire essere figli, anche se si è sperduti, apparentemente da soli ad affrontare il mondo. E’ un fiore sbocciato i cui petali non sono destinati ad appassire. La vicenda di Victoria e di quelli a lei legati, mi ha preso sin dalla prima pagina, mi ha emozionato, commosso ed esaltato. Perchè Victoria è una persona speciale, e il lettore vorrebbe che lei se ne rendesse conto. Mi sono lasciata persuadere da questa giovane e fragile protagonista dell’idea che il linguaggio vittoriano dei fiori sia un modo meraviglioso per comunicare. Ho consigliato questo libro a mia nonna, che ama tantissimo i fiori, e lei ha concordato con me.”

Immaginese voleste leggere il resto, non vi resta che seguire il link  https://angelawriter90.wordpress.com/recensioni-reviews/maggio-2013-il-linguaggio-segreto-dei-fiori/   !  

“If books could have more, give more, be more, show more, they would still need readers who bring to them sound and smell and light and all the rest that can’t be in books. The book needs you. ” Gary Paulsen  

_ Sei i libri potessero avere di più, dare di più, essere di più, mostrare di più, avrebbero ancora bisogno di lettori che portassero loro suoni e odori e luce e tutte le cose che non possono stare in un libro. Il libro ha bisogno di te. _

 

Lovingbooks

 

Buone Feste !

Immagine

 

Questo Natale lo passerò nella casa dove ho appena traslocato. Impacchettare tutti i miei libri è stata un’ impresa, ma alla fine ci sono riuscita, e adesso passerò piacevoli momenti a tirarli fuori dalle scatole e ricollocarli, magari facendo anche un po’ di ordine. O almeno, è quello  che spero … Ci si avvicina al nuovo anno pieni di buoni propositi, non è così ?

Siccome il trasloco implica un cambio di linea non avrò la possibilità di usare internet come al solito, e forse ne sarò priva per 20 / 60 giorni. Volevo quindi approfittarne adesso per augurarvi Buone Feste, e ovviamente un Natale e un Nuovo Anno pieni zeppi di meravigliose letture !!  

Io le trascorrerò tra un montaggio di mobili e un altro, immersa nelle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George R. R. Martin, una serie che trovo piacevolmente intrippante,mi perdonerete il termine. 

Poi, ho passato questo ultimo mese a sbavare sulla vetrina delle varie librerie, ogni volta che i miei occhi cadevano su ”Il Seggio Vacante’‘, ma da brava bambina aspetterò di riceverlo per Natale, visto che ho già speso 14 euro per la versione ebook dell’ originale. Odio il risparmio sui libri, ma temo che senza un po’ di prudenza resterei al verde in breve tempo, e poi i regali li farei solo a me stessa.

Un altro libro interessante che ha colpito la mia attenzione ultimamente è VITA DI PI. Lo conoscete ? Che cosa ne pensate ? So che hanno fatto anche il film, ma devo ancora vederlo …  Sarà quel che sarà, ma quella tigre sulla barchetta è meravigliosa, e se ci sono tigri protagoniste io smanio di leggere, come nel caso del bel racconto di John Vaillant, La Tigre : un’avventura siberiana  di vendetta e sopravvivenza. Una storia vera, narrata da una penna brillante. Se siete interessati a questi splendidi animali, ve lo consiglio !         

Non mi resta che concludere, chiedendovi se regalerete o acquisterete per voi dei libri per queste festività, e se ne avete qualcheduno da consigliarmi ! BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO ! 

Milton’s quotes about books

“For books are not absolutely dead things, but do contain a potency of life in them to be as active as that soul was whose progeny they are; nay, they do preserve as in a vial the purest efficacy and extraction of that living intellect that bred them.”

John Milton , Areopagitica 

” Un buon libro è la preziosa linfa vitale di uno spirito maestro ”

Leggere rende liberi

Leggere rende liberi

Cose da lettori , pagina facebook

Colpi di fulmine al supermercato !

https://i0.wp.com/www.sololibri.net/IMG/jpg/narratura.jpg

 

E’ così , succede in un lampo. Stai guardando il solito espositore , posizionato vicino alla cassa del supermercato più vicino a casa, quello di cui sai trovare le cose che ti servono senza chiedere ai commessi, perché ormai ti ci muovi come a casa tua. Sei lì, scorri i soliti titoli triti e ritriti, e ti chiedi con assonnata voce  mentale che diavolo ci facciano ancora lì, o come mai ci siano finiti. Di solito ignori i volumi della sezione adulti, gli stessi da mesi, e ti ficchi immediatamente dietro, sperando che tra gli Stilton e le ”nuove edizioni” del Piccolo Principe  della sezione ragazzi ci sia qualcosa di interessante, un Percy Jackson, una Ragazza Drago, un Harry Potter … anche se li hai già letti, fa sempre piacere trovarli. Hai quattro cose in mano, due buste di pane, un barattolo di nutella , un sugo pronto, e sai che non devi perdere troppo tempo. Te lo ripeti ogni volta, ma finisci sempre lì, aspetti che accada. Il colpo di fulmine. Al supermercato. Lo so, è un po’ patetico, una speranza un po’ vana, ma una volta mi è capitato, ed è stato bellissimo. Anzi due ! La prima volta era fine luglio, e tra pochi giorni avrei compiuto gli anni, così non mi sono fatta scrupoli e ho speso i miei soldi su due piedi, fidandomi della trama. Un salto nel vuoto di questi tempi, ma quella volta c’ho azzeccato, ed è stato un bell’acquisto. Il libro in questione era ” Il Centenario che saltò dalla finestra e scomparve ” di Jonas Jonasson. Mi sono fatta un sacco di risate leggendolo, ed è stato un incredibile tuffo nella storia, e nella mente di un vecchio che la maggior parte di noi considererebbe pazzo, ma con quel tocco di saggezza e fortuna che non guastano mai. Le sue avventure sono state una lettura estremamente piacevole. Oserei dire brillante.

https://i0.wp.com/3.bp.blogspot.com/-_UhX7NiVvdc/UCLVNXBj5uI/AAAAAAAAAhE/rAk-PcxkRqs/s1600/lultima-pagina-il-centenario-che-salto-dalla--L-h29aI2.jpeg      https://i0.wp.com/www.culturaeculture.it/wp-content/uploads/2012/09/harlod-fry.jpg

Qualche giorno fa è successo per la seconda volta, ma non è stata la trama ad attirarmi, e questo mi ha resa estremamente guardinga. Il titolo,  e la copertina, sanno essere ben più infidi della trama talvolta. Erano entrambi deliziosi. Sentivo già l’acquolina in bocca al pensiero di comprare quel libro … ”L’imprevedibile viaggio di Howard Fry”, di Rachel Joyce. Alla fine, non l’ho comprato. Complice il prezzo, il pensiero che forse lo avrei trovato su Amazon in versione ebook, e il grillo parlante nella mia testa che mi consigliava di non fare il passo più lungo della gamba, ma di prenderlo in prestito alla biblioteca , o di leggere le recensioni in merito. Queste ultime sono da prendere sempre con la pinza. Bisogna tenere presente che per quanto uno possa ricercare l’oggettività, alla fine saranno i suoi gusti personali a guidarlo. Non importa che un libro sia scritto bene o male, ci sarà sempre qualcuno che lo apprezzerà discretamente, qualcuno che lo amerà alla follia, ed altri ancora che si terranno alla larga neanche si trattasse di un tafano. Perciò la strada migliore di solito, se si è indecisi sull’acquisto, è proprio quella capatina in biblioteca di cui vi parlavo …

Nonostante i dubbi, i tranelli di una bella copertina, di un titolo intrigante, di una trama scritta ad hoc per sviare il lettore, o di un pugno di recensioni negative / positive , non c’è cosa più bella, secondo me, dell’essere colti da un colpo di fulmine. Io ho parlato della mia esperienza al supermercato, perché quello è un posto ancora più straordinario per infatuarsi di un libro, non è proprio come se fossi alla Feltrinelli !  Ma ovviamente il colpo di fulmine può coglierti ovunque, anche in un mercatino dell’usato, o in un lussuoso centro commerciale, o in una piccola libreria del centro città , persino tra gli scaffali polverosi di un nonno, o di un padre …

A voi sarà capitato di sicuro, no ? Me ne vorreste parlare in un commento ? 🙂 

Bedtime stories

 

 

 

Questa immagine è pervasa di una tenerezza in cui mi riconoscevo. Usavo raccontare storie a mio fratello e a mia sorella quando erano più piccoli, e in un certo senso ho iniziato anche a scrivere qualcosa per loro. Solo per loro. Poi sono cresciuti, catturati dalla televisione, allontanati dalla mia stanchezza, e da mille altri impegni. Sembrava tutto più importante, rispetto a questo. Ma la necessità del raccontare storie, e del sentirsele raccontare, è enorme, risale alla notte dei tempi … Questa immagine mi ha colpito dritto al cuore, perciò ho sentito il bisogno di condividerla. Siamo abituati a leggere a mente, per conto nostro, ma quanta magia c’è nel condividere una storia, sussurrando a tarda sera, alla luce di una lampada ?  Quanta magia nel vedere gli occhi di un bambino riempirsi di meraviglia, grazie alle parole che ti escono di bocca ?

Quotes

 

We need books because we are all, in the private kingdoms of our hearts, desperate for the company of a wise, true friend.

Steve Almond 

I think when a reader reads a whole book – which takes six to ten hours – that’s kind of a gift to the author. The gift of close, undivided attention. To who else do we listen so closely for eight straight hours? And when readers give that gift to me, I’m grateful for it…

A piece of writing has to seduce the reader, it has to suspend disbelief and earn the reader’s trust.

– Po Bronson

 

 

Luis Sepùlveda e i gatti

Esce il 15 NOVEMBRE, ”STORIA DI UN GATTO E DEL TOPO CHE DIVENTO’ SUO AMICO”  di Luis Sepùlveda, a quindici anni di distanza dal meraviglioso ‘Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”.

Sinceramente, non vedo l’ora di leggerlo, mi sono affezionata tantissimo al primo libro, e grazie ad esso ho scoperto questa brillante penna cilena.  Sepùlveda celebra l’amicizia e ci fa tornare bambini. Ci parla di temi importanti con parole semplici e uno stile leggero, senza perdere di profondità. Per certi versi mi ricorda Antoine De Saint-Exupéry…  Se avete letto Storia di una gabbianella , sapete di cosa sto parlando !

 Ecco la trama: Max è cresciuto insieme al suo gatto Mix. È un legame profondo il loro, quasi simbiotico. Max, raggiunta l’indipendenza dalla casa paterna, va a vivere da solo, portandosi dietro l’amato gatto. Il suo lavoro, purtroppo, lo porta spesso fuori casa e Mix, che sta invecchiando e sta perdendo la vista, è costretto a passare lunghe giornate in solitudine. Ma un giorno sente provenire dei rumori dalla dispensa di casa e intuisce che lì si nasconde un topo…

CONSIGLIATO  : a tutti i bambini, e ai grandi che quando leggono tornano tali, a chi ama sognare di amori impossibili, e ai gattofili (come la sottoscritta!)

SULL’AUTORE : Nato in Cile nel 1949, Sepúlveda ha lasciato il suo Paese al termine di un’intensa stagione di attività politica, conclusasi drammaticamente con l’incarcerazione da parte del regime del generale Pinochet. Ha viaggiato a lungo in America Latina e poi nel resto del mondo, anche al seguito degli equipaggi di Greenpeace. Dopo aver risieduto ad Amburgo e a Parigi, vive attualmente in Spagna, nelle Asturie. Autore di libri di poesia, «radioromanzi» e racconti, ha conquistato la scena letteraria con il suo primo romanzo, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, apparso per la prima volta in Spagna nel 1989, e in Italia nel 1993. Amatissimo dal suo pubblico, e in particolare dai lettori italiani, ha pubblicato da allora numerosi altri romanzi, raccolte di racconti e libri di viaggio, tra i quali spicca la Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, uno dei libri più letti degli ultimi anni.

CITAZIONI :

Solo sognando e restando fedeli ai sogni riusciremo a essere migliori e, se noi saremo migliori, sarà migliore il mondo. – il potere dei sogni

Sapeva leggere. Fu la scoperta più importante di tutta la sua vita. Sapeva leggere. Possedeva l’antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia. Sapeva leggere. Ma non aveva niente da leggere. – il vecchio che leggeva romanzi d’amore

Vola solo chi osa farlo. – Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

È molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile. – Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare